Che cosa è il principio di riservatezza in Mediazione?

Le norme sulla Mediazione Civile impongono a tutti i soggetti che partecipano un obbligo di riservatezza totale rispetto alle informazioni acquisite all’interno della procedura.

Si tratta di un fondamentale e importantissimo presidio di tutela degli utenti.
Questo perché in Mediazione – a differenza di quanto avviene in Tribunale, dove siamo abituati a sentire frasi tipo “qualsiasi cosa dirà potrà essere utilizzata contro di lei” – tutto quello che le parti dicono non può essere utilizzato fuori dalla procedura.

Questo consente alle parti di poter giocare a “carte scoperte” e mirare a trovare un accordo che soddisfi i reali interessi e non parlare soltanto di pretese giuridiche.

Ma vi è di più. In Mediazione, infatti, il mediatore ha la facoltà di svolgere degli incontri separati con ciascuna parte e il proprio Avvocato.

Questi sono gli incontri più importanti, perché sarà possibile affrontare alcuni temi della controversia in un ambiente più riservato. Possono esistere infatti delle informazioni che la parte ha piacere di affrontare con il Mediatore ma che preferisce tenere celate alla propria controparte.

Gli incontri separati sono uno strumento imprescindibile per la buona riuscita di ogni Mediazione proprio per questi motivi. Anche in questi casi la parte che si confida col Mediatore è tutelata dal principio di riservatezza della Mediazione. Le informazioni che si acquisiscono durante questi incontri non possono essere riportate alla controparte se non con l’espressa autorizzazione di chi le ha fornite e nei limiti di quanto autorizzato.

Molto spesso sarà importante riferire soltanto alcuni elementi o una sintesi dei concetti raccolti. Il Mediatore si concentrerà soltanto su quelle informazioni che sono effettivamente utili ai fini della trattativa e terrà celate quelle che la parte vuol mantenere segrete.

Risulta dunque molto importante potersi fidare del mediatore e parlare con lui in massima trasparenza affinché questi possa intuire il percorso più adatto per dare soddisfazione agli interessi delle parti.

Cit. “Il dottore è come il confessore, e tenergli nascosto qualcosa sarebbe sciocco.” (F. Dostoevskij)

0 Comments

Leave a Reply

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

ATTENZIONE: le mediazioni si svolgono in modalità telematica

Gentile Cliente,
vista la complessa situazione epidemiologica di queste settimane il Responsabile dell'Organismo ha stabilito la conversione di tutte le mediazioni fisiche in mediazioni online.
Per questo motivo le parti (fino alla rimozione di questo comunicato) sono dispensate dal pagamento della relativa tariffa.
Questa decisione è stata presa dopo una lunga riflessione per tutelare la salute di tutti: parti, Avvocati, Mediatori e personale Rimedia.
Se ritiene che, malgrado i fattori di rischio, ci siano serie motivazioni per svolgere l'incontro in presenza potrà chiedere una deroga direttamente al Responsabile dell'Organismo scrivendo una PEC gabriele.pardo@pec.it indicando gli estremi della procedura e adducendo le motivazioni.
Anche in questo caso alle altre parti sarà comunque garantita la possibilità di partecipare in modalità telematica.